Crea sito

Tag Archive for Italia

Arbitri: a perderci non è l’Inter, ma il calcio

Lunedì. Il giorno meno piacevole della settimana. Quello in cui si torna al lavoro, in cui si riprendono i ritmi. Il giorno in cui tra colleghi si parla di cosa si è fatto durante il weekend. Il giorno in cui gli amanti di sport discutono sugli avvenimenti del fine settimana. Per l’ennesimo lunedì però, gli appassionati di calcio non si ritrovano a parlare solo di risultati, di gol spettacolari o di una giocatore che si è particolarmente distinto. E se lo si fa, passa in secondo piano. La scena se la prendono tutta gli errori arbitrali. Veri o presunti.

All’Inter è stato negato un rigore solare (a detta dei maggiori quotidiani) e il secondo gol di Sau è stato viziato da un fallo di mano (dopo la stupenda giocata – questa si sarebbe degna di nota – di Pinilla). Stramaccioni è stato espulso, la società ha dichiarato il silenzio stampa, Moratti si è sfogato chiamando in causa Calciopoli, la Juve ha postato sul suo sito un link che rimanda alla prescrizione dei nerazzurri e Galliani ha storto il naso perché a detta sua gli errori sono “fisiologici”. E questo è solo un rapido riassunto di tutto il polverone che si è alzato a livello mediatico e non.

Paradossalmente, nello stesso weekend si è giocata anche l’amichevole di rugby tra la nostra Nazionale e i campioni del mondo della Nuova Zelanda, i mitici All Blacks. Partita finita con una sonora sconfitta subita dagli azzurri, usciti da un Olimpico gremito tra gli applausi scroscianti dei presenti. Al tifoso di rugby piace lo spettacolo, piace vedere i propri beniamini lottare con tutte le loro forze e poco importa se alla fine si vince o si perde, se gli avversari sono stati superiori. Il tifoso di rugby sa che il risultato sul campo è trasparente, frutto del confronto tra le due compagini che si sono affrontate. Nel rugby l’arbitro, che non ha la pretesa di essere onnipotente, quando non è sicuro della scelta da prendere chiama in causa un suo assistente che, isolato in uno stanzino munito di TV, si riguarda le immagini e prende la scelta più corretta. Il tutto in pochi secondi. I tifosi sono tranquilli, i giocatori sono tranquilli, gli arbitri sono tranquilli e la partita prosegue tranquilla.

Nel calcio no. Gli arbitri sbagliano, poi compensano, litigano con i giocatori ed ecco che i tifosi si arrabbiano, che i presidenti che si sentono danneggiati sbottano, che gli altri ribattono e che lo sport vero viene dimenticato. Qualcuno però dice che il bello del calcio è proprio questo. A qualcuno, anche molto in alto, piacciono la polemica e l’incertezza del risultato resa possibile anche dall’errore arbitrale (?!?). A noi no. Noi preferiamo il dibattito sull’andamento delle partite e la trasparenza. E siamo sicuri, visto il calo continuo di tifosi sugli spalti delle Serie A, di non essere in pochi. Prima di essere tifosi di una squadra dovremmo imparare ad essere tifosi dello sport che amiamo, proprio come i tifosi di rugby, prima che della propria squadra, sono tifosi di rugby.

Trentino A. A.: non solo calcio, ma anche grande basket con la Nazionale

basket nazionaleCon la Nazionale di basket in ritiro a Folgaria, il Trentino Alto Adige, meta storica per le squadre di calcio in preparazione in vista dell’inizio del campionato, diventa meta ambita anche per gli appassionati della pallacanestro. Gli azzurri sono infatti in raduno a Folgaria dal 17 luglio in vista delle qualificazioni agli Europei 2013 che si terranno in Slovenia e che vedranno gli azzurri impegnati contro Turchia, Portogallo, Bielorussia e Repubblica Ceca. Agli ordini di coach Pianigiani, per l’ennesima volta campione d’Italia con il Siena e neo allenatore del Fenerbache, mancano purtroppo due giocatori del calibro di Bargnani e Belinelli. Read more

Perché l’Italia non investe nello sport a scuola?

“I Paesi che ci sono avanti nelle classifiche di rendimento sportivo sono quelli che investono più dell’Italia nel mondo della scuola. Questa non è una colpa del governo, né di quello che l’ha preceduto, ma è una realtà sotto gli occhi di tutti”. Sono le parole del presidente del Coni Gianni Petrucci, in occasione della presentazione al salone d’onore del Comitato olimpico del “Libro bianco dello sport italiano”, Sport-Italia 2020 (chi non sapesse cosa sono i Libri bianchi si può collegare qui). Read more

Il tifo irlandese a Euro 2012

Anche se europei di calcio si sono conclusi in maniera poco fortunata per gli azzurri, postiamo due video che ci hanno inviato degli amici del blog e girati a Poznan prima e dopo il match tra Italia e Irlanda. Da questi filmati possiamo capire perché la UEFA abbia deciso di premiare il tifo irlandese come il migliore di Euro 2012.

Il primo video ritrae i supportes dei “verdi” in un autobus diretto allo stadio prima del match che prima si accucciano e poi si scatenano insieme ad alcuni fan italiani.

Nel secondo video, girato in una piazza di Poznan, i tifosi irlandesi, sempre uniti con gli italiani e con la gente del posto, cantano “shoes up for the boys in green” alzando le proprie scarpe al cielo.

Se avete immagini o video da mandarci, scrivete a [email protected]

 

Alzi adesso la mano chi non considera Mario italiano

“Sono italiano, mi sento italiano, giocherò sempre con la Nazionale italiana”. Mario Balotelli ha sempre risposto così a chi, direttamente o indirettamente, metteva in dubbio i suoi sentimenti verso quella che è casa sua. E’ stato fischiato, gli sono state lanciate banane, ha dovuto ascoltare quei “buuu” che purtroppo ancora oggi piovono ogni tanto dagli spalti. E’ stato criticato perché non ha segnato per due partite, martoriato dalla stampa internazionale per la sua vita privata, per il suo essere fuori dagli schemi. E lui ha risposto con due reti incredibili in una semifinale del campionato europeo contro uno dei rivali più sentiti di sempre: quella Germania che quando conta contro di noi non sa vincere. Read more

Euro 2012: dopo il caos scommesse finalmente si gioca

Dal 28 maggio, giorno del blitz della Guardia di Finanza al Centro Tecnico di Coverciano per il polverone alzato dalla questione calcioscommesse, si è parlato poco di calcio giocato e tanto di questioni in cui il campo non c’entra nulla. Anche quando l’attenzione si sarebbe dovuta spostare sul lato sportivo, vedi amichevole con il Lussemburgo, ecco che il terremoto fa saltare tutto. Read more