Crea sito

Archive for Interviste

Sara Penzo, portiere del Brescia e della Nazionale femminile, si racconta a nads

Sara Penzo

Sara Penzo, giovane portiere della Nazionale maggiore e neo acquisto del Brescia, ci introduce in un mondo in Italia poco seguito e conosciuto: quello del calcio femminile. Come si avvicinano le ragazze al pallone? Quali sono i sacrifici richiesti alle giovani promesse per poter raggiungere alti livelli? Quanto pesa l’ombra del calcio maschile? Andiamolo a scoprire grazie all’estremo difensore azzurro che, prima degli impegni ufficiali (il 9 settembre per la Supercoppa italiana e dal 22 in campionato), ha cortesemente risposto a queste e ad altre domande.

 

Sara, a che età e come hai cominciato a giocare a calcio? 

Ho iniziato a giocare a calcio in prima elementare quando avevo solo 5 anni. Da piccola ero un po’ un maschiaccio e spesso vedevo i miei amici del paese andare a giocare a pallone mentre io dovevo restare fuori a guardarli. Poi mi sono detta: “perchè non farlo anch’io?”. E il ruolo, beh, ho cominciato fin da subito in porta perché mi buttavo ovunque e mi è venuto naturale, quando ho iniziato con i primi calci del mio paese, mettermi tra i pali senza paura di tuffarmi anche se ci allenavamo sul cemento, al coperto.

Quando hai capito che la tua passione sarebbe diventata qualcosa di più di un semplice un passatempo?

Fin da piccola ho sempre sognato che il calcio potesse diventare qualcosa di più, ma me ne sono resa conto solo alle prime presenze in Nazionale. Sai, una volta che cominci ad indossare la maglia azzurra… credo che quello sia il momento di pensare che non sia più solo un passatempo.

A 17 anni hai esordito in Serie A con la Torres. E’ stato difficile trasferirsi dal Veneto in Sardegna?

L’esordio in serie A direi che è stato uno dei momenti più belli della mia carriera calcistica. Trasferirsi a 17 anni in Sardegna dal Veneto non mi è mai pesato perché quando si sta avverando il sogno di giocare in serie A, in una delle squadre più forti d’Italia, non pensi a tutto quello che sacrifichi per viverti quel momento. Comunque sono stata anche fortunata ad avere una famiglia che mi ha sempre sostenuta, mi è sempre stata vicina e che, anche se ero distante, ad ogni trasferta in penisola, veniva a sostenermi.

Quali altri sacrifici hai dovuto fare per coltivare la tua passione e per arrivare a giocare prima con la Nazionale Under 19 e poi con quella maggiore?

I sacrifici sono stati tanti. Purtroppo, quando hai una passione come la mia che ti costringe spesso a essere distante da casa, sei costretta a rinunciare a qualcosa. Devi sacrificare amici, divertimenti e tutte quelle cose che, specialmente durante l’adolescenza, fanno tutti gli altri coetanei. Invece tu non puoi e non vuoi, per inseguire i tuoi sogni e le tue responsabilità. Di sicuro posso dire che tutto quello che ho fatto fino ad ora lo rifarei, perché sono felicissima di essere dove sono. Il calcio ti fa crescere, ti aiuta a rapportarti con le persone e quindi ti permette di migliorare anche a livello umano, non solo sportivo.

Il calcio femminile vive purtroppo all’ombra di quello maschile. L’impegno richiesto è lo stesso? Quanto vi allenate settimanalmente?

Si, il calcio femminile vive proprio nell’ombra del calcio maschile, anche se dobbiamo fare gli stessi sacrifici e ci viene richiesto lo stesso impegno a livello di allenamenti. Abbiamo sedute tutti i giorni come la Serie A maschile, solo che noi siamo spesso costrette a lavorare per mantenerci, perché di solo calcio non riusciamo a vivere. Per lo meno non in Italia purtroppo.

A tal proposito: hai giocato una stagione in Svizzera, nel Basilea. Quali sono le differenze principali tra il calcio femminile in Italia e all’estero?

La scorsa stagione a Basilea è stata la mia prima esperienza all’estero ed è stato bellissimo rapportarsi con il professionismo. Il calcio femminile italiano è ancora dilettantistico e la differenza principale è proprio quella. Si nota subito come il solo essere delle professioniste porti ad avere tanti vantaggi, a livello di strutture e di organizzazione, che in Italia fatichi ad avere. A livello di calcio giocato invece, posso dire che in Svizzera il livello agonistico è alla pari di quello italiano, con la differenza che hanno la mentalità tedesca e quindi si pratica un calcio un po’ più fisico, anche se meno tecnico del nostro. La Svizzera in ogni caso è sicuramente una nazione in via di sviluppo per quanto riguarda il calcio femminile.

Cosa serve secondo te per far aumentare la popolarità del calcio femminile?

Per aumentare la popolarità non saprei, perchè stiamo cercando di farci spazio da sempre in Italia. Credo che purtroppo la mentalità degli italiani sia concentrata solo sul calcio maschile e che sarà difficile cambiarla come sta avvenendo ormai in tutto il mondo. Penso comunque che questo non sia solo un problema del calcio femminile, ma di tutti gli sport che sono considerati minori semplicemente perché non sono “calcio maschile”.

In quali nazioni il calcio femminile gode di maggior interesse in termini di pubblico?

Le nazioni che seguono maggiormente il calcio femminile sono USA, Germania e i paesi nordici come Svezia e Norvegia. Lì la mentalità è diversa: le donne godono di completa considerazione e hanno la possibilità di crescere giocando a calcio senza avere impedimenti di alcun tipo. Ne risulta che i loro campionati sono i più forti e i più competitivi del mondo.

Quali sono i tuoi obiettivi per questa stagione e per il futuro più prossimo?

Questa stagione indosserò la maglia del Brescia e ne sono onorata. Ho voglia di mettermi in gioco appieno sperando di togliermi molte soddisfazioni, a partire dalla Supercoppa del 9 settembre contro la Torres. In campionato spero di poter lottare per le prime posizioni della classifica in modo da riuscire ad entrare in Champions League la prossima stagione. Ovviamente mi auguro poi di continuare il mio percorso con la Nazionale in vista dei campionati europei del 2013 in Svezia. Insomma, quest’anno tanti impegni e tanti traguardi da raggiungere. Incrocio le dita per tutto.

Noi incrociamo le dita con lei e facciamo un grande in bocca al lupo a Sara per il proseguo della sua carriera.

Un grazie di cuore all’amica Silvia Simoni per aver reso possibile l’intervista.

L’hockey su ghiaccio visto da un arbitro: intervista a Ulrich Pardatscher

Oggi vi proponiamo un’intervista a Ulrich Pardatscher, linesman di serie A del campionato italiano di hockey su ghiaccio e degli ultimi mondiali di seconda divisione tenutisi in Islanda lo scorso aprile, per conoscere da vicino la vita di un arbitro di uno sport che in Italia rimane purtroppo confinato in poche regioni del nord. Read more

Alla scoperta del ciclismo femminile: intervista all’ex atleta elite Alice Marmorini

Alice Marmorini al Giro d’Italia 2010

Il giorno dopo la fine del Giro d’Italia maschile, noi facciamo un tuffo nel mondo semi sconosciuto del ciclismo femminile grazie ad un’intervista con Alice Marmorini, ex atleta elite, che ci spiega come l’impegno e il sacrificio necessari per correre ad alti livelli siano proporzionali a quelli richiesti nel maschile. Levatacce al mattino per rimanere in forma, gare all’estero, doppie sedute di allenamento e studio nel poco tempo libero. Il tutto senza la gloria, le tutele e gli stipendi dell’universo degli uomini in virtù di quell’amore per la bicicletta che, se ti colpisce, ti porta a fare grandi sacrifici senza avere rimpianti. Read more

Intervista a capitan Morrone: “Nel calcio siamo in tanti a fare del bene”

Grazie alla disponibilità dell’ufficio stampa del Parma FC e alla mediazione di Gianmarco Attimonelli, siamo oggi in grado di proporvi un’interessante intervista col capitano dei ducali Stefano Morrone, esempio di correttezza e di umiltà. Premiato lo scorso febbraio al concorso “I piedi buoni del calcio”, organizzato da Gazzetta dello Sport e Lega calcio, per il suo impegno nel sociale, Morrone ci aiuta a portare a galla quella parte sana del mondo del pallone che troppo spesso viene messa in secondo piano da episodi che ne rovinano l’immagine. Di seguito l’intervista al calciatore crociato che da anni è in contatto costante con la famiglia di Giorgia, una bambina leccese colpita da una grave malattia intestinale, per aiutarla a combattere e vincere il male che l’affligge. Read more

Il calcio dilettantistico visto da un dilettante: intervista a Daniele Orlandini

Daniele Orlandini con la maglia della Bagnolese

Oggi facciamo un tuffo nel calcio dilettantistico incontrando Daniele Orlandini, ventinovenne capitano della Bagnolese, formazione militante nel girone D della Lega Nazionale Dilettanti, che ci aiuta a fare una panoramica su quel mondo che sta subito al di sotto del professionismo e che coinvolge migliaia di appassionati in Italia. Read more

La judoka italiana Edwige Gwend a nads: “Alle Olimpiadi col sorriso”

Edwige Gwend in azione durante gli Europei di Vienna

Solare, sorridente, umile e disponibile. Si presenta così Edwige Gwend, ventiduenne judoka italiana di origini camerunesi e argento agli ultimi europei di categoria, che quando si è avvicinata per la prima volta allo sport non avrebbe mai immaginato di poter arrivare a gareggiare alle prossime Olimpiadi. Durante l’incontro con gli studenti del Master Sport, in cui si è parlato, grazie anche alla partecipazione di Massimiliano Benucci della FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali), delle nuove tecnologie che la Federazione ha adottato e intende adottare per migliorare il proprio lavoro e per diffondere la pratica delle discipline che rappresenta, l’atleta ha raccontato come è venuta a contatto con quella pratica sportiva che le ha permesso di staccare un biglietto per Londra 2012. Read more