Crea sito

Archive for settembre 27, 2012

Rovereto: sabato al via la StrongmanRun

L’appuntamento è per sabato. Per la prima volta in Italia, Rovereto ospita la StrongmanRun, una corsa per superatleti, uomini e donne dai cuori impavidi e dai garretti d’acciaio.

18 chilometri di fatica e goliardia in cui gli ostacoli naturali si intervallano a sbarramenti artificiali, allestiti a bella posta da una sadica organizzazione. Ma anche un’occasione unica per vedere da vicino uno dei più bei centri storici del Nord Italia.

La competizione è nata nel 2007 in Germania per poi estendersi ad altri paesi europei.

Il percorso studiato per Rovereto sarà punteggiato di ostacoli naturali e artificiali e, novità assoluta nella storia della StrongmanRun, attraverserà il centro urbano. La gara prevede due giri di circuito da 8 km che toccheranno alcuni luoghi chiave della città della Quercia: il Sacrario Militare di Casteldante, la Campana dei Caduti, il Mausoleo Tacchi, Castel Veneto, sede del Museo della Guerra e il Centro Natatorio.

Attraversamento di torrenti, un mix di sterrato e asfalto, salite (dislivello massimo 250 m) e discese nella zona boschiva e sulle colline circostanti la città completeranno il percorso, inserito in un paesaggio caratterizzato da un numero di ostacoli naturali superiore rispetto alla media delle competizioni straniere.

Guarda il trailer internazionale:

Fonte: www.mountainblog.it

Sito ufficiale dell’edizione italiana: strongmanrun.it

 

Champions League: l’urlo dei giovani

champions league

L’esultanza di Isco dopo il primo gol allo Zenit

La prima giornata dei gironi di Champions League si è appena conclusa, regalando gol spettacolari e mettendo in evidenza giocate degne della massima competizione europea per club. Fino a qui niente di nuovo direte, del resto questo è ciò che ci si aspetta quando si parla di Champions. Rappresenta però una piacevole novità il gran numero di giovani talenti che sono riusciti a mettersi in evidenza in un simile palcoscenico, segnando reti da cineteca e giocando con una calma ed una naturalezza da veterani.

Il primo nome che viene spontaneo citare è sicuramente quello di Oscar del Chelsea, dato che la maggior parte degli italiani l’avrà visto siglare una magnifica doppietta contro la Juventus, poi riuscita meritatamente a rimontare. A soli ventuno anni e all’esordio nella competizione, il ragazzo ha già regalato gol da copertina. Autore di due reti anche il classe 1992 Francisco Roman Alarcon, conosciuto come Isco, che con il suo Malaga ha piegato lo Zenit di Spalletti con un sonoro tre a zero. E’ andato a segno per ben due volte anche il ventitreenne armeno Henrikh Mkhitaryan dello Shaktar Dontetzk nella vittoria per due a zero contro il Nordsjaelland. Gol e assist invece per il più conosciuto Cristian Tello del Barcellona nel difficile match che vedeva i baschi opposti all’ostico Spartak Mosca (per i russi a segno Romulo, 22 anni appena compiuti). In copertina ci è andato Messi, ma il talento di Tello, ragazzo nato l’11 agosto del 1991, ha dato una mano non meno importante. Gol non decisivo invece per Younès Belhanda, ventiduenne marocchino del Montpellier, che dopo aver portato in vantaggio i suoi ha dovuto suo malgrado assistere alla rimonta dell’Arsenal. Aggiungiamo alla lista anche il nostro classe 1992 Marco Verratti, osannato dalla stampa francese dopo l’egregia prestazione in Paris Saint Germain-Dinamo Kiev e l’ormai noto Toni Kroos (1990) del Bayern, autore del momentaneo 2-0 dei bavaresi sul Valencia.

Questa due giorni di Champions League ha dimostrato ancora una volta come i giovani, con la loro voglia, la loro freschezza e, perché no, anche la loro incoscienza, siano in grado di poter dire la loro. Nel calcio, come nella vita di tutti i giorni, si tende a pensare che l’esperienza sia l’unica componente per poter ottenere buoni risultati. Niente di più sbagliato. L’esperienza conta, certo, ed infatti il contatto quotidiano con gente matura avrà senza dubbio aiutato e aiuterà ancora questi giovani campioni nella loro crescita. Ma Verratti, Oscar, Isco & co. hanno dimostrato come non ci sia niente di più sbagliato che aspettare anni prima di dare a un ragazzo la possibilità di mettersi in mostra e dimostrare il suo valore. Largo ai giovani!

Presentato il 79° Campionato di Serie A di hockey su ghiaccio

Il 79° Campionato di Serie A di hockey su ghiaccio è ai nastri di partenza. Venerdì mattina, presso la sala conferenze della Sparkasse Academy di Bolzano, è stata presentata la stagione 2012-13. Il primo appuntamento di rilievo sarà martedì prossimo allo stadio Olimpico di Cortina dove la squadra di casa si giocherà la Supercoppa con le volpi di Bolzano, vincitrici dello scudetto. Giovedì 20 invece, scenderanno sul ghiaccio tutte le formazioni di Serie A per la prima di campionato, mentre per la A2 la data di inizio stabilita è il 28 settembre.

Durante la presentazione, il presidente della Federazione Italiana Sport del Ghiaccio Giancarlo Bolognini, ha spiegato che “grazie all’accordo tra Federazione e Lega è stato possibile cominciare ad introdurre nuove norme che portino le società a trasformarsi in società di capitali e ad una maggiore attenzione sulla redazione dei bilanci”. “Questo – ha proseguito Bolognini – per dare continuità al movimento in ottica futura dato il periodo di crisi generale e per dare più spazio ai giovani italiani anche in vista degli impegni della Nazionale”.

Il neo presidente della Lega Italiana Hockey Ghiaccio Tommaso Teofoli, subentrato a Nilo Riva, scomparso pochi giorni fa ed ampiamente ricordato durante la conferenza, ha voluto sottolineare come “nonostante i problemi di budget, le società abbiano lavorato bene per garantire un campionato di elevato livello”. Teofoli, sulla scia del presidente federale, ha evidenziato anche l’essenzialità di una A2 competitiva che “dia la possibilità ai giovani di emergere e dell’importanza della conferma della collaborazione con Rai Sport, che trasmetterà ogni giovedì una partita in diretta”.

Le società che si contenderanno il titolo di campione d’Italia 2012-13 sono dieci: Tegola Canadese Alleghe Hockey, Supermercati Migross Asiago Hockey 1935, Hockey Club Bolzano Foxes, Hafro SG Cortina, Sportiva Hockey Club Val di Fassa Ferrarini, Ice Hockey Aquile FVG, Ritten Sport Renault Trucks, Hockey Club Valpellice Bodino Engineering, Lupi Fiat Professional Val Pusteria e Hockey Milano Rossoblu. Quest’ultima formazione, risalita in A dopo il purgatorio della serie cadetta, rappresenta un gradito ritorno per tutto il movimento hockeistico nazionale. La presenza di una città come Milano infatti garantisce un importante salto di qualità del livello di immagine di questa disciplina.

La A2 è invece composta da otto squadre: HC Eppan/Appiano Sarah, SV Kaltern/Caldaro Rothoblass Eishockey, HC Egna Riwega, EV Bozen/Bolzano 84 Groupon, HC Gherdeina, HC Merano Junior, ASD Hockey Pergine Solarplus, Vipiteno Broncos Weihenstephan.

Paralimpiadi: tempo di bilanci

Si sono concluse da poco le Paralimpiadi di Londra e per gli azzurri il bilancio è stato più che positivo. Ben ventotto le medaglie totali portate a casa, dieci in più di quelle conquistate a Pechino quattro anni fa, e che sono valse all’Italia la tredicesima posizione nel medagliere. Nove sono state le medaglie d’oro, otto quelle di argento e undici i bronzi. Di questa edizione ci rimarranno impresse le due imprese dell’ex pilota Alex Zanardi nella handbike, mentre resta un po’ di perplessità per quanto riguarda il caso del velocista Oscar Pistorius, che, dopo aver gareggiato con i normodotati, ha preso parte anche alle gare paralimpiche. Ad ogni modo per Londra, dopo aver ospitato migliaia di atleti da tutto il mondo, è ora di riposare. Per il presidente del Comitato paralimpico Luca Pancalli invece è tempo di tirare le somme, che non possono essere che positive. Ecco quanto ha dichiarato in merito a Radio Anch’io Lo Sport su Radiouno:

“La mia più grande gioia, oltre alle 28 medaglie conquistate, sta nelle migliaia di mail che stiamo ricevendo. Ad esempio ci ha scritto un ragazzo che ci chiede cosa deve fare per diventare un atleta paralimpico: questa è la 29esima medaglia che ci onora”.

“Abbiamo avuto un risultato strabiliante non solo sul campo, ma per quello che siamo riusciti a mettere in piedi negli anni. Abbiamo visto un tasso sportivo e tecnico straordinario. Di fronte al mondo intero abbiamo presentato grandi atleti con grandi prestazioni. E se pensiamo che ogni evento ha fatto registrare il tutto esaurito, con un pubblico vero che ha partecipato da protagonista, si può capire il grande lavoro che è stato fatto. So che anche nelle Paralimpiadi il prezzo dei biglietti era molto alto, così come era successo alle Olimpiadi, ma la folla era festante e coinvolta. Credo che la gente si sia appassionata alla componente umana del mondo paralimpico, forse un po’ meno freddo di quello olimpico”.

Successo delle Paralimpiadi a parte, Pancalli non nasconde i problemi legati alla disabilità: “Il mondo dello sport è un’isola felice rispetto ai cali di attenzione su questi temi. Questa convinzione si dovrebbe convertire in politiche sul territorio. Ma se nel nostro Paese le prime cose che si tagliano sono il sociale e lo sport, significa che non ci si crede così tanto; siamo tutti bravi quando si vince e si prendono gli onori, ma poi la responsabilità politica di credere nello sport viene a mancare”.

Fonte: Il Sole 24 Ore 

 

Sara Penzo, portiere del Brescia e della Nazionale femminile, si racconta a nads

Sara Penzo

Sara Penzo, giovane portiere della Nazionale maggiore e neo acquisto del Brescia, ci introduce in un mondo in Italia poco seguito e conosciuto: quello del calcio femminile. Come si avvicinano le ragazze al pallone? Quali sono i sacrifici richiesti alle giovani promesse per poter raggiungere alti livelli? Quanto pesa l’ombra del calcio maschile? Andiamolo a scoprire grazie all’estremo difensore azzurro che, prima degli impegni ufficiali (il 9 settembre per la Supercoppa italiana e dal 22 in campionato), ha cortesemente risposto a queste e ad altre domande.

 

Sara, a che età e come hai cominciato a giocare a calcio? 

Ho iniziato a giocare a calcio in prima elementare quando avevo solo 5 anni. Da piccola ero un po’ un maschiaccio e spesso vedevo i miei amici del paese andare a giocare a pallone mentre io dovevo restare fuori a guardarli. Poi mi sono detta: “perchè non farlo anch’io?”. E il ruolo, beh, ho cominciato fin da subito in porta perché mi buttavo ovunque e mi è venuto naturale, quando ho iniziato con i primi calci del mio paese, mettermi tra i pali senza paura di tuffarmi anche se ci allenavamo sul cemento, al coperto.

Quando hai capito che la tua passione sarebbe diventata qualcosa di più di un semplice un passatempo?

Fin da piccola ho sempre sognato che il calcio potesse diventare qualcosa di più, ma me ne sono resa conto solo alle prime presenze in Nazionale. Sai, una volta che cominci ad indossare la maglia azzurra… credo che quello sia il momento di pensare che non sia più solo un passatempo.

A 17 anni hai esordito in Serie A con la Torres. E’ stato difficile trasferirsi dal Veneto in Sardegna?

L’esordio in serie A direi che è stato uno dei momenti più belli della mia carriera calcistica. Trasferirsi a 17 anni in Sardegna dal Veneto non mi è mai pesato perché quando si sta avverando il sogno di giocare in serie A, in una delle squadre più forti d’Italia, non pensi a tutto quello che sacrifichi per viverti quel momento. Comunque sono stata anche fortunata ad avere una famiglia che mi ha sempre sostenuta, mi è sempre stata vicina e che, anche se ero distante, ad ogni trasferta in penisola, veniva a sostenermi.

Quali altri sacrifici hai dovuto fare per coltivare la tua passione e per arrivare a giocare prima con la Nazionale Under 19 e poi con quella maggiore?

I sacrifici sono stati tanti. Purtroppo, quando hai una passione come la mia che ti costringe spesso a essere distante da casa, sei costretta a rinunciare a qualcosa. Devi sacrificare amici, divertimenti e tutte quelle cose che, specialmente durante l’adolescenza, fanno tutti gli altri coetanei. Invece tu non puoi e non vuoi, per inseguire i tuoi sogni e le tue responsabilità. Di sicuro posso dire che tutto quello che ho fatto fino ad ora lo rifarei, perché sono felicissima di essere dove sono. Il calcio ti fa crescere, ti aiuta a rapportarti con le persone e quindi ti permette di migliorare anche a livello umano, non solo sportivo.

Il calcio femminile vive purtroppo all’ombra di quello maschile. L’impegno richiesto è lo stesso? Quanto vi allenate settimanalmente?

Si, il calcio femminile vive proprio nell’ombra del calcio maschile, anche se dobbiamo fare gli stessi sacrifici e ci viene richiesto lo stesso impegno a livello di allenamenti. Abbiamo sedute tutti i giorni come la Serie A maschile, solo che noi siamo spesso costrette a lavorare per mantenerci, perché di solo calcio non riusciamo a vivere. Per lo meno non in Italia purtroppo.

A tal proposito: hai giocato una stagione in Svizzera, nel Basilea. Quali sono le differenze principali tra il calcio femminile in Italia e all’estero?

La scorsa stagione a Basilea è stata la mia prima esperienza all’estero ed è stato bellissimo rapportarsi con il professionismo. Il calcio femminile italiano è ancora dilettantistico e la differenza principale è proprio quella. Si nota subito come il solo essere delle professioniste porti ad avere tanti vantaggi, a livello di strutture e di organizzazione, che in Italia fatichi ad avere. A livello di calcio giocato invece, posso dire che in Svizzera il livello agonistico è alla pari di quello italiano, con la differenza che hanno la mentalità tedesca e quindi si pratica un calcio un po’ più fisico, anche se meno tecnico del nostro. La Svizzera in ogni caso è sicuramente una nazione in via di sviluppo per quanto riguarda il calcio femminile.

Cosa serve secondo te per far aumentare la popolarità del calcio femminile?

Per aumentare la popolarità non saprei, perchè stiamo cercando di farci spazio da sempre in Italia. Credo che purtroppo la mentalità degli italiani sia concentrata solo sul calcio maschile e che sarà difficile cambiarla come sta avvenendo ormai in tutto il mondo. Penso comunque che questo non sia solo un problema del calcio femminile, ma di tutti gli sport che sono considerati minori semplicemente perché non sono “calcio maschile”.

In quali nazioni il calcio femminile gode di maggior interesse in termini di pubblico?

Le nazioni che seguono maggiormente il calcio femminile sono USA, Germania e i paesi nordici come Svezia e Norvegia. Lì la mentalità è diversa: le donne godono di completa considerazione e hanno la possibilità di crescere giocando a calcio senza avere impedimenti di alcun tipo. Ne risulta che i loro campionati sono i più forti e i più competitivi del mondo.

Quali sono i tuoi obiettivi per questa stagione e per il futuro più prossimo?

Questa stagione indosserò la maglia del Brescia e ne sono onorata. Ho voglia di mettermi in gioco appieno sperando di togliermi molte soddisfazioni, a partire dalla Supercoppa del 9 settembre contro la Torres. In campionato spero di poter lottare per le prime posizioni della classifica in modo da riuscire ad entrare in Champions League la prossima stagione. Ovviamente mi auguro poi di continuare il mio percorso con la Nazionale in vista dei campionati europei del 2013 in Svezia. Insomma, quest’anno tanti impegni e tanti traguardi da raggiungere. Incrocio le dita per tutto.

Noi incrociamo le dita con lei e facciamo un grande in bocca al lupo a Sara per il proseguo della sua carriera.

Un grazie di cuore all’amica Silvia Simoni per aver reso possibile l’intervista.

Trofeo Piri: quando il calcio è ricordo e solidarietà

La formazione vincitrice dell’edizione 2012 del Trofeo Piri

Due porte, un campo e un pallone, più dodici squadre, tanta buona volontà da parte degli organizzatori e la partecipazione sincera di un’intera comunità. Questo è il Trofeo Piri, la cui settima edizione si è conclusa questo fine settimana. Il torneo, che si tiene a Pineta di Laives in provincia di Bolzano, è dedicato alla memoria di Mattia Tosoni, un ragazzo prematuramente scomparso nel 2005 a causa di una grave malattia. Nelle due giornate, che vengono trascorse all’insegna del pallone e della solidarietà, accorrono amici, parenti e conoscenti di Mattia, per ricordarlo, per stare insieme, per divertirsi e per fare del bene. Durante il torneo viene infatti effettuata una raccolta fondi interamente devoluta ad un’associazione benefica del territorio. Read more